Diario di una quarantenne in quarantena

Le foto

i bigodini

( giorno 250 dal tuo ritorno)

I bigodini

I bigodini , dio che fastidio che mi danno , mentre cerco di grattarmi la testa con l’acconciatura che mi hanno appena fatto ,

tu mi guardi e ridi , mentre goffamente cerco di sistemarmi , non rovinarmi trucco e parrucco , ma questi cosi danno un fastidio immane penso.

Dal fondo della stanza si sente urlare il fotografo ” hey non rovinarti l’impalcatura che tra 5 minuti iniziamo , rimani sistemata!!n Non fare come al tuo solito”

Oggi sei voluto venire con me e ti sento ridacchiare per ogni mio sbuffo , ogni mio gesto goffo , ogni mia occhiataccia che ti rivolgo.

Facciamo le foto , sfodero il mio sorriso migliore , le smorfie e cosi dette posate, poi tutto finisce le luci si spengono e tu mi segui nella stanza dove mi cambio.

Sento il tuo pensiero , scorrere , sei brava sai fingere potresti fare l’attrice, ma io senza neanche voltarmi

mentre sfilo questi dannati bigodini , penso ho imparato negli anni a fingere bene ,

ad indossare una maschera anzi indossare il mio sorriso migliore anche quando dentro sono un cumulo di macerie.

Non voglio che gli altri mi vedano triste , sola e pensino , la bella ragazza sorridente che poi la sera rimane sola , poverina!

Ho imparato che alle persone piace vedermi sempre sorridente , disponibile , quella che ascolta tutti ma poi finisce per non parlare mai con nessuno , bado io a me stessa anzi

ci badiamo noi.

Fingere è l’unica cosa che so fare meglio , nessuno sa , nessuno sente , il vuoto che ho dentro , la solitudine costante che mi accompagna , lo sguardo malinconico che mi caratterizza da sempre , ma fingo solo che sia sinonimo di intelligenza .

Indosso una maschera e non ho problemi a dirlo o come in questo caso a pensarlo con te è la cosa piu’ giusta da fare , nessuno resisterebbe , come ben sai

nel vuoto che ho dentro , nella solitudine fatta di sto bene , non importa , nelle crepe dell’anima ormai vuota .

Secca , arida , non importa Amir va bene cosi!

Allora andiamo?

Pensi mentre mi sto finendo di cambiare , ti guardo e sfodero il mio sorriso migliore rispondendoti , certo andiamo a casa ?

Ci guardiamo un film, mangiamo schifezze e giuro di togliere la maschera almeno con te , giuro di essere me stessa sempre , almeno con te .

Sento il tuo braccio cingermi il collo , tu cosi alto e cosi avvolgente , mi sfiori il viso ancora truccato , mi scosti i capelli ,e mi sussurri

“sei bellissima quando sorridi dovresti farlo piu’ spesso e fingere meno”

Ti guardo sbalordita , non mi hai mai detto una cosa con tanta enfasi , con un timbro di voce cosi profondo ,  da rimbombare nella mia testa , far

vibrare le finestre e farmi sentire cosi leggera.

Oggi è un giorno normale , di una ragazza normale che finge un sorriso per non mostrare la solitudine che ha dentro.

 

la conoscenza

Partner Posts

Please follow and like us:

Comments

comments

https://www.manzara.it/abiti/abiti-mini/abito-a-quadretti-vickey-multicolore

Lascia un commento